Arancio Pay: diari di viaggio

GerardoF

GerardoF

Guru

Rif.: Diario di viaggio: ING Direct in Polonia

Ciao @ripeco,

abbastanza, come confermato anche dalla moderatrice @Patrizia_ING in questa recente discussione.

Poi aggiungo quanto già scritto prima, non ho pagato alcuna commissione per prelievi ATM e pagamenti POS effettuati con la carta di debito, commissione che invece è stata regolarmente applicata per i pagamenti effettuati con carta di credito.

Alex81

Alex81

Apprendista

Rif.: Diario di viaggio: ING Direct in Polonia

Confermo anch’io che non ci sono commissioni!! (sono già 3 anni che vado in Polonia) bisogna solo fare attenzione e pagare sempre in zloty e prelevare senza cambio 

Highlighted
Fabri_76

Fabri_76

Apprendista

Diario di viaggio: Vpay a Stoccolma

Sono da poco tornato da una breve vacanza a Stoccolma e dintorni con la famiglia e riporto la mia esperienza riguardo all'uso della carta Vpay, permettendomi di ispirarmi al bel "diario di viaggio in Polonia" recentemente pubblicato da @GerardoF .
Premetto ricordando che la Svezia non ha l'euro, ma la corna svedese.
Utilizzando la Vpay non si pagano spese di conversione. Agli ATM bisogna aver cura di selezionare la contabilizzazione del prelievo in valuta locale (e mai in Euro) e di prelevare da ATM che riportano il logo di banche. Una volta anche un POS mi ha chiesto la valuta, ho dovuto selezionare SEK sul display touchscreen.
Meglio prelevare pochi contanti: l'utilizzo dei POS è praticamente assoluto a scapito del contante, tanto che in alcuni negozi compare i cartello "No Cash". Io ho prelevato solo l'equivalente di 40 € ed ho avuto difficoltà a spenderli tutti.
Tutto si paga con la carta: dal bagno pubblico in stazione o lungo le strade al biglietto del traghetto per le isole dell'arcipelago (acquistato a bordo) all'hot dog acquistato alla bancarella per strada. Anche la mancia (facoltativa) ai ristoranti si paga con la carta: il cameriere presenta il POS portatile con preimpostato l'importo del pasto ed il cliente deve ridigitarlo o inserire un importo maggiore prima di inserire il pin (la differenza è la mancia - ci ho impiegato un po' a capirlo, perchè partivo in quarta inserendo subito il pin...).
Tra le tantissime transazioni ai POS che ho fatto, solo in un caso la VPay non è stata accettata: in un chiosco che aveva (stranamente) un vecchio terminale che leggeva solo la banda magnetica (problema risolto utilizzando un'altra carta).
I terminali POS, come spesso accade in altri Paesi, sono lempre installati "lato cliente", e solo dal cliente vengono maneggiati. E' una soluzione che a me piace molto perchè nessuno prende in mano la mia carta, che rimane lontana da occhi indiscreti.
I terminali contactless hanno una buona diffusione, ma non assoluta.
E' un buon momento per visitare la Svezia, approffittando del buon cambio dovuto alla Corona svedese ai minimi storici, per cui ora i prezzi sono, a mio parere, sostenibili.

Gabriele

Gabriele

Guru

Rif.: Diario di viaggio: Vpay a Stoccolma

Ciao @Fabri_76

ti ringrazio di aver partecipato alla Community anche la tua esperienza.

Magari foste in tanti a farlo, si massimizzerebbero le potenzialità di questo forum.

Con una punta d'orgoglio, comunque, noto che tu abbia seguito il mio notorio consiglio di non affacciarsi all'estero con una sola Carta Smiley Felice

E grazie anche della segnalazione turistica, ma tra mobili e suppellettili Ikea che mi hanno invaso la casa e (giusta) eliminazione dai Mondiali, per visitare la Svezia ritengo di aspettare di essere insignito del Premio Nobel per la "bancheggiologia" Smiley LOL

GerardoF

GerardoF

Guru

Rif.: Diario di viaggio: Vpay a Stoccolma

Complimenti per il tuo diario @Fabri_76!

Purtroppo in Italia siamo indietro anni luce sull'utilizzo della moneta elettronica...

Appena tornerò dalle vacanze in Belgio vedrò di aggiungere anche il mio nuovo diario di viaggio Smiley Strizza l'occhio

Fabri_76

Fabri_76

Apprendista

Rif.: Diario di viaggio: Vpay a Stoccolma

@Gabriele Prego! Quando andrai a ritirare il Nobel, non dimenticare la Vpay, ti servirà sicuramente!!Smiley Strizza l'occhio

Comunque è vero, ho fatto tesoro dei tuoi consigli e sono anch'io felicemente poligamo (bancariamente parlando) Smiley LOL

 

@GerardoF attendo di leggere il tuo diario del Belgio.

E' vero, in Italia siamo indietro sull'utilizzo della moneta elettronica, ma quando, qualche mese fa, alla reception in un campeggio in Germania ho letto che accettano pagamenti con carte solo sopra i 50 euro (!!!) ho avuto un momento di (magra) consolazione...

GerardoF

GerardoF

Guru

Rif.: Diario di viaggio: Vpay a Stoccolma

Hai ragione @Fabri_76, la mia "madrepatria" è decisamente scandalosa da questo punto di vista...

Gabriele

Gabriele

Guru

Rif.: Diario di viaggio: Vpay a Stoccolma

Bene @Fabri_76!

semmai si diffondesse questa insulsa pratica di seguire i consigli "provati", forse il Nobel non sarebbe una "boutadeSmiley LOL

 

In Italia siamo ancora indietro sotto molti aspetti, soprattutto relativamente al "profondo" Nord Europa.

Figurati che io abbia gioito per un prelievo V-Pay a poche miglia da Cartagine, seppur effettuato presso UN Istituto di CREDITo diffusissimo in Europa, presente anche qui e che offra (non esclusivamente) anche la Carta del Futuro (per ora remoto, vero, @finder?)

 

Il messaggio di "mal comune mezzo gaudio" che hai letto in Germania credo che sia dovuto alle commissioni bancarie che, forse, anche lì, oberano i commercianti ben oltre il singolo guadagno.

Figurati che dovremmo gioire doppiamente... io ho visto, finora, in Italia solo richieste di utlizzo POS a + 10/15 euro Smiley LOL

 

Buon viaggio a tutti e mi raccomando "ciù is mej che uan" Smiley Lingua

Jo1992

Jo1992

Apprendista

Arancio Pay in Portogallo e Galizia

Ciao a tutti, ho visto altri contenuti simili, pertanto lascio anche io il mio contributo relativo alla esperienza che ho avuto con la mia Arancio V-Pay questa estate tra il nord del Portogallo e la Galizia. 

 

Sia per quanto riguarda il ritiro del contante che per i pagamenti, posso dire di essere molto soddisfatto; infatti, non ho riscontrato nessun tipo di problemi. L'unica cosa che ho notato (per la quale però la banca può fare nulla) è che molti esercenti e molte banche (situazione riscontrata anche a Parigi) non espongono il "logo" V-Pay. Nonostante questo, ripeto, la carta è andata ovunque ne abbia avuto necessità e per tutti gli scopi.

 

Saluti.

 

Jo. 

Fabri_76

Fabri_76

Apprendista

Rif.: Arancio Pay in Portogallo e Galizia

Ho notato anch'io che, sia in Italia che in Europa, il logo Vpay spesso non è presente, ma (da quel che ho visto) la presenza del logo Visa è sufficiente per garantire il funzionamento della carta. Evidentemente sono stati più veloci ad aggiornare i POS che gli adesivi sulle vetrine.